Prestiti INPS
Per Pensionati e Dipendenti Pubblici
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
Giovedì, 28 Settembre 2017

In pensione a 63 anni grazie alla RITA

Tra le riforme di questo governo, volte a rivoluzionare il mondo della scuola e quello del lavoro, merita particolare attenzione la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, più comunemente denominata RITA, contenuta nella legge di bilancio 2017.
Quali sono le caratteristiche principali e chi può beneficiarne?

La RITA è rivolta a coloro che hanno scelto di investire in una forma di previdenza complementare. Con la nuova RITA, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, volontaria o involontaria, il lavoratore (che non ha ancora maturato i requisiti di anzianitá per ottenere la pensione statale) può chiedere di ricevere l'intera somma accumulata, o anche solo una parte, sotto forma di rendita temporanea, fino a quando non avrà conseguito i requisiti indispensabili per l'accesso al sistema pensionistico italiano.

Requisiti per usufruire della RITA

Condizione indispensabile per usufruire della rendita integrativa temporanea anticipata, prima del compimento dei 66 anni e 7 mesi, è il possesso dei requisiti che aprono l'accesso all'APe volontario.
Chi intende usufruire della RITA deve:
- avere almeno 63 anni;
- risultare iscritto all'assicurazione generale obbligatoria;
- godere di un'anzianitá contributiva minima di almeno 20 anni, all'interno del sistema di previdenza obbligatoria;
- essere nelle condizioni di poter maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
- non essere già titolare di un trattamento pensionistico diretto o di un assegno ordinario di invalidità.

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Condizioni Speciali Web!

Differenze tra APe e RITA

Nonostante il forte legame annunciato tra l'APe e la RITA, la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata potrà essere riscossa dal lavoratore a prescindere dalla sua adesione al sistema APe volontario.
Quindi, il lavoratore che avrà superato il limite minimo dei 63 anni potrà liberamente scegliere se e quanta parte del suo futuro assegno pensionistico farsi anticipare tramite l'APe. Lo stesso lavoratore potrà anche richiedere una quota o l'intera somma della pensione complementare, tramite lo strumento RITA.
In linea generale, dunque, sarà possibile decidere se si intende usufruire di RITA e APe congiuntamente, o solo in modo alternativo.

Tassazione

Va ricordato, però, che mentre la somma corrisposta tramite l'APe non è soggetta a prelievo fiscale IRPEF quella ricevuta tramite RITA sarà soggetta a prelievo fiscale IRPEF secondo una variabile che va da un minimo del 9% a un massimo del 15%.

Seguici su Facebook!

Tutte le settimane notizie e curiosità su risparmio personale, tasse e benefici fiscali, casa, famiglia, ecc.

Chi può richiedere la RITA

Lo strumento previdenziale RITA è rivolto sia ai lavoratori del settore privato e sia ai dipendenti del settore pubblico, purché abbiano sottoscritto un fondo pensionistico complementare o piani pensionistici individuali.
Non possono godere di questo strumento, invece, tutti i lavoratori che abbiano sottoscritto un fondo pensionistico prima del 1993.

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Un consulente sarà a tua disposizione per studiare insieme la possibilità di ottenere un prestito.

 

Ti serve aiuto?

Contattaci per maggiori informazioni.

Numero Verde Prestiti Finanziamenti

Email: Mail Prestiti Finanziamenti

 

PERCHÈ SCEGLIERCI

Con oltre 15 anni di esperienza nei prestiti a dipendenti e pensionati siamo in grado di fornire una consulenza professionale e qualificata. Contattaci, la richiesta di preventivo è gratuita e assolutamente senza impegno.

Richiedi un preventivo GRATIS e senza impegno!
CONDIZIONI GENERALI

Per le condizioni si fa rinvio alla sezione trasparenza. I finanziamenti e gli importi sono sempre soggetti a discrezionale approvazione dell'intermediario. La consulenza e l'attivazione preliminari alla richiesta di finanziamento sono gratis anche se deciderai di non sottoscrivere la domanda o il contratto di finanziamento. Messaggio promozionale valido dal 01/04/2018 al 30/06/2018 ed è riferito a prestiti rimborsabili mediante cessione o delegazione di quote dello stipendio o pensione.

Convenzione INPS per pensionati
Prestitalia S.p.A. e numerosi intermediari bancari e finanziari hanno sottoscritto la convenzione con l'INPS per i pensionati a condizioni riservate.

Privacy Policy - Informativa Cookie - Informativa Privacy Prestitalia

CONTATTI

contatti prestiti finanziamenti

  • Numero Verde: 800 173 173
  • Email: mail prestiti finanziamenti
x
PRESTITI A DIPENDENTI STATALI, PUBBLICI E PENSIONATI
RICHIEDI IL PREVENTIVO IN 1 MINUTO

Facile: pensiamo a tutto noi
Veloce: consulenza telefonica immediata
Sicuro: tasso fisso e rata costante
Conveniente: condizioni riservate