Prestiti INPS
Per Pensionati e Dipendenti Pubblici
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
Mercoledì, 07 Giugno 2017

Colloquio di lavoro? Ecco le 10 domande (e risposte) da conoscere!

Vuoi avere successo nel tuo prossimo colloquio di lavoro? Parti preparato: scopri le dieci domande più frequenti!

Le domande per rompere il ghiaccio

“Mi parli di lei…”

Avviare la conversazione è importante, proprio per questo spesso la prima domanda è un generico: "Mi parli di lei". È bene scegliere una descrizione breve ma che resti impressa nella mente di chi sta conducendo il colloquio, valorizzando esperienze rilevanti.

“Perché vuole lavorare con noi?”

Altra domanda frequente è la mitica: "Perché vuole lavorare con noi?" Anche qui si deve essere decisi, non eccessivamente smielati, fornendo motivazioni convincenti ed evitando di fare riferimento ai compensi previsti. Per questo prima del colloqui è fondamentale informarsi bene sull’azienda, raccogliendo informazioni da sito web, canali social e comunicati stampa.

“Qual è l’obiettivo lavorativo che ha raggiunto finora?”

La terza possibile domanda è: "Quali obiettivi ha raggiunto finora?" Serve al selezionatore per capire quanto impegno la persona mette nel raggiungere lo scopo, pertanto è utile parlare delle esperienze maturate e delle promozioni ottenute.

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Condizioni Speciali Web!

Attitudini e capacità

Oltre al curriculum, chi gestisce un colloquio di lavoro cerca sempre di capire le attitudini e capacità del candidato.

"Quali sono i suoi punti di forza?"

Rispondere a questa domanda non è facile, è bene evitare lunghi discorsi su tutte le proprie esperienze e puntare, invece, sulle competenze che più si adattano al ruolo e alla tipologia di azienda per la quale ci si candida. Molto apprezzate sono le conoscenze delle lingue, la versatilità, la proattività, la capacità di imparare in fretta e lavorare in team. Ma attenzione: essere sempre sinceri!

"Quali sono i punti deboli?"

Tutti hanno punti deboli, quindi niente panico. Meglio non essere catastrofici e sottolineare qualche punto non particolarmente importante per la mansione da ricoprire, evidenziando cosa si sta facendo per migliorare gli aspetti in cui si è carenti.

"Quale situazione difficile ha affrontato nella sua precedente esperienza, e come l’ha risolta?"

In questo caso il selezionatore cerca di capire se il candidato è capace di risolvere problemi (il famigerato problem solving). Si tratta di una domanda molto importante, deve essere descritta la situazione e come è stata affrontata, mostrandosi sempre positivi e dinamici.

"Cosa non le piaceva del suo lavoro precedente?"

Su questo punto è bene ricordare che l'azienda potrebbe chiedere referenze al precedente datore di lavoro. Siate sinceri ma evitate un atteggiamento lamentoso, focalizzandovi anche su ciò che vi è stato di positivo nel vecchio rapporto e magari puntando su aspetti negativi della vecchia azienda che non si ritrovano in quella in cui si sta cercando di inserirsi.

Seguici su Facebook!

Tutte le settimane notizie e curiosità su risparmio personale, tasse e benefici fiscali, casa, famiglia, ecc.

Progetti futuri

L'ultima parte del colloquio verte sulle predisposizione del candidato per il futuro.

"È disposto a trasferirsi o a fare viaggi di lavoro?"

Una domanda che viene posta spesso è relativa alla disponibilità agli spostamenti. Qui la risposta dovrebbe essere scontata perché oggi le aziende cercano profili flessibili, in grado di seguire il lavoro, di mettere impegno per far crescere l'azienda. Nel caso in cui per problemi vari non sia assolutamente pensabile viaggiare o spostarsi, meglio ammetterlo subito.

“Quali sono i suoi obiettivi per il futuro?”

Lo scopo di questa domanda è capire se si è ambiziosi, misurare il grado di interesse in una crescita professionale e la propensione a prendersi delle responsabilità importanti.
È sconsigliabile in questa fase di fare riferimento a obiettivi di natura economica, riservando questo argomento ad una fase successiva della trattativa.

"Come si vede tra 5 anni?"

L’obiettivo è capire se il candidato sta cercando stabilità oppure se è possibile che ad un certo punto abbandoni l'azienda e i suoi progetti. Non bisogna mai dimenticare che per l’azienda un nuovo impiegato rappresenta una risorsa sulla quale investire, per cui è fondamentale poter fare affidamento sulla stabilità della stessa.

PERCHÉ SCEGLIERCI

Con oltre 20 anni di esperienza nei prestiti a dipendenti e pensionati siamo in grado di fornire una consulenza professionale e qualificata. Contattaci, la richiesta di preventivo è gratuita e assolutamente senza impegno.

Richiedi un preventivo GRATIS e senza impegno!
CONDIZIONI GENERALI

Per le condizioni si fa rinvio alla sezione trasparenza. I finanziamenti e gli importi sono sempre soggetti a discrezionale approvazione dell'intermediario. La consulenza e l'attivazione preliminari alla richiesta di finanziamento sono gratis anche se deciderai di non sottoscrivere la domanda o il contratto di finanziamento. Messaggio promozionale valido dal 01/07/2018 al 30/09/2018 ed è riferito a prestiti rimborsabili mediante cessione o delegazione di quote dello stipendio o pensione.

Convenzione INPS per pensionati
Prestitalia S.p.A. e numerosi intermediari bancari e finanziari hanno sottoscritto la convenzione con l'INPS per i pensionati a condizioni riservate.

Privacy Policy - Informativa Cookie - Informativa Privacy Prestitalia

CONTATTI

contatti prestiti finanziamenti

  • Numero Verde: 800 173 173
  • Email: mail prestiti finanziamenti
x
PRESTITI A DIPENDENTI STATALI, PUBBLICI E PENSIONATI
RICHIEDI IL PREVENTIVO IN 1 MINUTO

Facile: pensiamo a tutto noi
Veloce: consulenza telefonica immediata
Sicuro: tasso fisso e rata costante
Conveniente: condizioni riservate