Prestiti INPS
Per Pensionati e Dipendenti Pubblici
PREVENTIVO GRATIS IN 1 MINUTO
Giovedì, 17 Maggio 2018

GDPR in parole semplici: cosa cambia per i dati personali

GDPR in parole semplici

Il GDPR n. 679/2016, ovvero il nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali, diventerà operativo in tutti i Paesi membri dell’Unione dal 25 maggio 2018. In questo ultimo mese se n’è sentito parlare molto spesso, con toni e considerazioni agli estremi opposti tra chi lo considera una minaccia e chi, invece, un’opportunità. Ma in cosa consiste davvero e come spiegarlo in parole semplici?
Ecco cosa cambia relativamente alla Privacy con l’attuazione del GDPR!

Il GDPR abroga la Direttiva Europea 45/96 che è stata il punto di partenza per l’attuale Codice Privacy italiano, con un obiettivo preciso, quello di tutelare i cittadini europei a livello comunitario garantendo trasparenza e gestione uniforme dei loro dati.

I principali cambiamenti che verranno introdotti con il GDPR sono sei:

1. Ambito territoriale

Il regolamento riguarderà tutte le società operanti in Europa, indipendentemente dalla sede legale che potrebbe anche essere extraeuropea.

2. Principio di Accountability (Responsabilità)

l Titolare del Trattamento diventa il principale responsabile del trattamento dei dati all’interno della propria azienda. Pertanto è tenuto a definire da un punto di vista tecnologico e organizzativo tutte le misure necessaria al fine di garantire una corretta e sicura gestione dei dati

Il Titolare del Trattamento dovrà inoltre assicurarsi che le persone autorizzate siano formate sulle soluzioni adottate dall’azienda e che le rispettino.

Prestiti a Dipendenti e Pensionati

Condizioni Speciali Web!

3. Ottenimento del consenso

l consenso al trattamento dei propri dati deve essere dato in maniera consapevole, preventiva e inequivocabile

Il punto è che il consenso deve essere espresso tramite un’azione positiva, volontaria e soprattutto libera. Pertanto non è più ammesso il consenso tacito o presunto , le finalità di raccolta dei dati devono essere sempre chiare e non vale il consenso raccolto attraverso caselle preselezionate. Questo non implica la forma scritta, pertanto sarà possibile fornire il proprio consenso anche telefonicamente.

Inoltre, chi rilascia i propri dati deve poter modificare o revocare il consenso in ogni momento, in maniera facile e diretta. Questo significa potersi cancellare agevolmente da una newsletter, da un servizio di SMS o da un catalogo pubblicitario cartaceo.

4. Informative chiare

L’informativa, scritta o in formato elettronico, deve essere: concisa, trasparente, intelligibile per l’interessato, facilmente accessibile e scritta in un linguaggio chiaro e semplice

Inoltre sull’informativa dovranno essere chiare le tempistiche di conservazione dei dati, soprattutto quelli raccolti a fini commerciali.

5. Responsabile della Protezione dei Dati

Questa figura, già presente in quasi tutti gli altri Stati Membri, viene introdotta per la prima volta in Italia. L’obiettivo è quello di fornire pubblicamente un referente aziendale per i cittadini e le autorità di controllo. 

Il Responsabile per la Protezione dei Dati dovrà svolgere un’attività consulenziale per il Titolare del Trattamento, sorvegliare e supportare l’azienda al fine di assicurare una corretta gestione dei dati personali e darne conto ai vertici dell’azienda.

Seguici su Facebook!

Tutte le settimane notizie e curiosità su risparmio personale, tasse e benefici fiscali, casa, famiglia, ecc.

6. Sanzioni

Le sanzioni previste dall’introduzione del GDPR sono notevoli e colpiscono pesantemente le aziende che non rispettano la corretta acquisizione del consenso. 

Le sanzioni amministrative possono arrivare fino a 20 milioni di Euro (per aziende singole) o fino al 4% del fatturato mondiale annuo (per aziende parte di un gruppo). Ovviamente si tratta di soglie massime, con sanzioni minime stabilite dai singoli legislatori nazionali.

Quindi… GDPR: opportunità o minaccia?

Tirando le somme, il GDPR è un’occasione unica per uniformare le regole in relazione alla protezione dei dati personali, in tutta l’Unione Europea. 

Per i consumatori si tratta di una tutela importante, grazie alla possibilità di avere maggiore chiarezza e controllo. Per le aziende, invece, è una grande opportunità per aggiornare procedure e policy, rivedere i protocolli di sicurezza, e in ultima analisi garantire un trattamento dei dati sicuro e trasparente.

PERCHÉ SCEGLIERCI

Con oltre 20 anni di esperienza nei prestiti a dipendenti e pensionati siamo in grado di fornire una consulenza professionale e qualificata. Contattaci, la richiesta di preventivo è gratuita e assolutamente senza impegno.

Richiedi un preventivo GRATIS e senza impegno!
CONDIZIONI GENERALI

Per le condizioni si fa rinvio alla sezione trasparenza. I finanziamenti e gli importi sono sempre soggetti a discrezionale approvazione dell'intermediario. La consulenza e l'attivazione preliminari alla richiesta di finanziamento sono gratis anche se deciderai di non sottoscrivere la domanda o il contratto di finanziamento. Messaggio promozionale valido dal 01/07/2018 al 30/09/2018 ed è riferito a prestiti rimborsabili mediante cessione o delegazione di quote dello stipendio o pensione.

Convenzione INPS per pensionati
Prestitalia S.p.A. e numerosi intermediari bancari e finanziari hanno sottoscritto la convenzione con l'INPS per i pensionati a condizioni riservate.

Privacy Policy - Informativa Cookie - Informativa Privacy Prestitalia

CONTATTI

contatti prestiti finanziamenti

  • Numero Verde: 800 173 173
  • Email: mail prestiti finanziamenti
x
PRESTITI A DIPENDENTI STATALI, PUBBLICI E PENSIONATI
RICHIEDI IL PREVENTIVO IN 1 MINUTO

Facile: pensiamo a tutto noi
Veloce: consulenza telefonica immediata
Sicuro: tasso fisso e rata costante
Conveniente: condizioni riservate